Salvini, il foodblogger che manca all’Italia

di Arianna Cavallo (ilpost.it, 7 settembre 2019)

Poco prima delle 19 del 4 settembre 2019, alla vigilia del giuramento del nuovo governo, Matteo Salvini ha aggiornato la sua biografia su Twitter, arrendendosi al passaggio da ministro dell’Interno a leader della Lega anche nell’identità di cui pare avere più bisogno, quella sui social.1In poche settimane è crollata la diffusa ammirazione per la sua scaltrezza politica, mentre lui tentava da una parte concilianti passi indietro, dall’altra di dipingersi come la vittima di un accordo tramato alle sue spalle dagli ex alleati del M5S e dal PD. In quelle settimane scomposte i suoi social, prima così fulgidi e imperturbati, hanno iniziato a perdere messa a fuoco, a inciampare in ritardo sulle dichiarazioni altrui, a suonare sempre la stessa nota. Questa voce insicura fa apparire più incerti anche il suo futuro e la sua carriera politica, e nessuno può ancora dire se il nuovo governo l’abbia arginato o se il tempo che manca al prossimo voto farà montare le schiere dei suoi sostenitori.

Nel 2011, poco prima del matrimonio tra Kate Middleton e il principe William, l’irriverente giornalista Christopher Hitchens scrisse un articolo per darle un consiglio: «Se lo ami davvero, cara, tiralo fuori di lì, e tira fuori anche te. Molti di noi non vogliono un altro capro espiratorio per ungere le ossa e le vene rinsecchite di un sistema prosciugato. Fatti un favore e metti in salvo quel che puoi: molla il trono al prossimo della lista che il sistema di successione ha previsto». Fatte le dovutissime proporzioni, mi pare il momento di rivolgere all’Ex ministro dell’Interno un simile spassionato consiglio e invitarlo a scappare, a non pensare agli italiani e al bene del Paese o alla famiglia che – chissà – lo voleva in politica quando lui aveva altri sogni. A guardare bene ce lo ha già fatto capire che cosa desidera veramente e dopo anni di abnegazione se l’è meritato: è ora di diventare il foodblogger che in Italia stiamo aspettando. Per chi non fosse convinto, lo diceva proprio in questo post del primo settembre:2La passione dell’Ex ministro dell’Interno per il cibo e per le foto di cibo è più che trapelata dai suoi social, spazzando per quantità e costanza gli altri tentativi da influencer culturale, che fossero le foto pucciose di pulcini e gattini o quelle di Madonne piangenti e crocifissi. Qui sì che Salvini ha capito la moda del momento, l’ha preceduta, portando una boccata d’aria fresca, come si dice in questi casi, in un panorama intasato da foto di avocado toast, bowl, smoothies, muffin, piatti veggie, pizze gourmet, composizioni di frutta dalle studiatissime triangolazioni, tutti immacolati e dai colori brillanti, illuminati da una luce perfetta, incorniciati da tavole di campagna, tazzine floreali, vasi di fiori e frutta secca sapientemente sbriciolata. Invece i piatti dell’Ex ministro dell’Interno sono repellenti, deformati da una luce verdastra, scuriti dall’ombra torreggiante del fotografo, sformati dalla prospettiva e dalle porzioni sovrabbondanti e raccozzate. Gli scatti sono ravvicinati, tagliati, sbilenchi, schiacciati, con tortellini, fette d’arancia, crêpes alla Nutella (questo esotico dolce francese) tutti spinti a forza nel rettangolo di Instagram.3A volte, per bellezza, davanti al piatto e in posizione quasi centrale, l’Ex ministro dell’Interno ha adagiato un ciclamino, un bicchiere di vino, un finocchio; altre volte la fregola dello scatto gli ha fatto dimenticare di spostare la forchetta, la briciola non calcolata, il pacchetto di sigarette.4Il suo stile è all’avanguardia e perfettamente in linea con il più nuovo spirito di Instagram, stanco del perfezionismo arzigogolato imperante e in cerca di leggerezza e autenticità nei contenuti e nelle forme: e quindi «sì ai selfie nei cessi dei locali (purché siano brutti e male illuminati), sì al disordine, ai look a caso, alle foto e ai video in cui non si capisce molto bene cosa sta succedendo», come ha scritto su Studio Clara Mazzoleni. Non è solo un discorso di estetica: a volte sono gli stessi cibi dalla qualità palesemente scarsa – pizze bisunte, focacce gommose, cotolette rattrappite – ma non manca un po’ di autoironia, come nel pranzo raffazzonato fatto con wafer e Ringo che ricorda o, ci auguriamo, consapevolmente allude al successo degli account dedicati alle schiscette tristi.56La poetica gastronomica dell’Ex ministro dell’Interno ci libererà non solo dai poke e dalle chips di barbabietola, ma anche dalle alici che possono essere solo di Cetara e dalla pasta necessariamente di Gragnano, per schiaffarci un bel trancio di pizza, uno schietto piatto di salumi, una birra qualsiasi, una banana.7Gli si può ancora perdonare qualche passo falso, come quando si delizia per “una battuta di gambero rosso, stracciatella e puntarelle. Dopo giorni di panini, ci voleva !”, cena e commento imperdonabilmente da sinistra, salvati all’ultimo da un caloroso “Che fate di bello stasera?”.8Con lui gli ingredienti poveri che hanno fatto il giro, spuntando sui costosi piatti delle New Trattorie, rigirano ancora e ritornano al giusto posto di prima: nessuno sbuffa più a leggere di trippa, polenta, nervetti, lenticchie e cassoeula.9

10Ha anche il merito di far conoscere l’Italia agli italiani, condividendo i piatti tipici delle città che visita, dalla Liguria alla Sicilia: sa che bisogna precisare che i casoncelli sono dei ravioli ripieni, e poche volte mi sono così vergognata di conoscere quattro tipi di brodi di ramen diversi ma di non avere idea di cosa fosse il parrozzo, “dolce tipico abruzzese amato da Gabriele D’Annunzio a base di uova, mandorle e cioccolato”.11Sul branded content, invece, potrebbe migliorare.1213E anche sui menu per bambini, visto che tre volte su quattro ha cucinato ai figli cotolette; la quarta però ha preparato un piatto educativo e italianamente ecumenico.14Anche i suoi gusti, in fondo, sono quelli di un bambino, con piatti golosi (molto poco settentrionali, c’è da dire), pieni di carboidrati e dolci, mangiati a orari liberamente scombinati. Col tempo ho imparato a conoscerli: la pizza è quasi solo con cipolle e salame piccante, gli piacciono le colazioni salate, le cene pesanti di mezzanotte, il tiramisù sempre, più la pasta che il riso, la birra e il mirto, la pasta ripiena e la carbonara, i pizzoccheri, la polenta, le castagne, i fichi, i cachi e andare a funghi.15161718Non gli piace invece il seitan, che non sa di niente, e il cibo “naturale, sano, biologico e salutare, senza grassi”.19Anche il tono è al passo coi tempi: non algido e impostato ma confidenziale, allegro, dissacrante, pieno di complicità con i lettori – gli Amici – che coinvolge in continuazione chiedendo loro se sia il caso di tuffarsi o no in un tiramisù notturno, chi pensano vincerà una partita, cosa fanno nel pomeriggio o come passano la domenica.202122A volte chi lo segue si vede anche dedicare un piatto significativo.23L’Ex ministro dell’Interno se ne frega del salutismo, delle diete del momento, dell’impatto della carne sull’ambiente: sdogana il gusto di mangiare e non sembra ingannarti come la foodblogger di turno, magrissima ma sempre in giro a fingere di azzannare pancake. Non vi farà sentire in colpa per uno sgarro, per lo spuntino di mezzanotte e per la pancia, facendosi portatore di un messaggio body positive degno di un millennial.24“Mi volete bene anche se ingrasso??”. Sì, ti vorremo tantissimo bene, saremo felici di aprire ogni giorno i tuoi social e trovare la foto quotidiana piena di gioia e maritozzi, ravioli di salsiccia, carbonare, i teneri selfie con i pizzaioli, le chiacchierate competenti coi fruttivendoli al mercato, i tagli di forme di pecorino e i tanti capolini sbilenchi sulle tavole imbandite di mezza Italia.25

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>