I tempi stanno cambiando. Di nuovo

di Massimo Mantellini (ilpost.it, 27 settembre 2019)

Qualche anno fa, mentre preparavo un seminario, mi accorsi — o per lo meno così mi sembrò — che i primi anni della Internet commerciale, verso la metà degli anni Novanta del secolo scorso, alcune sensazioni che si respiravano allora, avessero qualcosa in comune con una rivoluzione precedente, quella di trent’anni prima, nata nelle università californiane e finita qualche anno dopo con il maggio francese del 1968.

bob_dylan_the_times Continue reading

Il piccolo protagonista di “Young Sheldon” protesta al fianco di Jane Fonda

di Marco Delfino (everyeye.it, 30 novembre 2019)

Nonostante i numerosi arresti, proseguono le proteste della leggendaria Jane Fonda per chiedere un’azione del Congresso nei confronti dei cambiamenti climatici. E questa volta ha avuto anche il supporto del giovane Iain Armitage.

Cnn

Cnn

Continue reading

Jane Fonda rischia il carcere

(blitzquotidiano.it, 23 novembre 2019)

Rischia di finire in carcere Jane Fonda. L’attrice americana, da sempre attivista, oggi impegnata nella lotta al cambiamento climatico, è stata nuovamente arrestata venerdì 22 novembre a Washington, spiega Tmz, mentre manifestava insieme a gente comune e volti dello spettacolo come Diane Lane, Piper Perabo e Amber Valletta.

Ph. John Lamparski / Getty Images

Ph. John Lamparski / Getty Images

Continue reading

Come suonano le rivolte nel mondo

di Maurizio Stefanini (ilfoglio.it, 10 novembre 2019)

Dal Cile a Hong Kong, un’ondata di proteste sta percorrendo il mondo. Diverse sono le motivazioni, diverse sono le ideologie, diverse sono le culture. Ma ogni protesta si sceglie una colonna sonora. Ecco le canzoni che i manifestanti stanno cantando per le strade in rivolta.Baby-Shark Continue reading

Jane Fonda, il cappotto rosso va oltre la protesta

di Mattia Di Gennaro (direttanews.it, 15 novembre 2019)

Jane Fonda e il suo cappotto rosso sono destinati a fare storia. Quest’oggi la star di Hollywood, come i cinque venerdì precedenti, è salita sulla scalinata di Capitol Hill (sede del Congresso a Washington D.C.) per continuare la protesta contro il cambiamento climatico. È arrivato quindi il sesto arresto consecutivo con l’accusa di “dimostrazione illegale”.

Keystone

Keystone

Continue reading