Francesco De Gregori, i 70 anni del principe dei cantautori

di Antonella Nesi (adnkronos.com, 2 aprile 2021)

Francesco de Gregori, il “principe” dei cantautori italiani, compie domenica 70 anni e quasi 50 di carriera, visto che il suo primo album, Theorius Campus, scritto con l’amico degli esordi Antonello Venditti, è datato 1972. Nato a Roma il 4 aprile 1951, De Gregori aveva iniziato già nel 1969 a esibirsi al Folkstudio di Trastevere, cimentandosi in cover di Leonard Cohen e soprattutto di Bob Dylan, con cui instaurerà un rapporto di stima reciproca e a cui l’artista romano ha dedicato più di un lavoro discografico. Il titolo del primo album solista di De Gregori è Alice non lo sa. L’album esce nel 1973, ben trainato dalla partecipazione di De Gregori a Un disco per l’estate con la canzone Alice. Sebbene il pezzo si classifichi all’ultimo posto, il disco divide la critica tra chi lo trova troppo ermetico e chi ne apprezza la poesia e la scrittura (tra i brani del disco un capolavoro come La casa di Hilde).

Ph. Yuri Colleoni / Kikapress

Ph. Yuri Colleoni / Kikapress

Continue reading

“Murder most foul”, il diorama americano di Bob Dylan

di Stefano Pistolini (linkiesta.it, 28 marzo 2020)

Bisogna inoltrarsi in una selva oscura, vestiti come esploratori. Per poi imbattersi nella canzone che ha la forma di una torre misteriosa. Sulla porta c’è l’autore, il venerabile maestro Bob Dylan, 79 anni a maggio, tirato a lucido come per una serata, giacca di lustrini, costoso cappello crema, pantaloni oscenamente a sigaretta.Murder_Most_Foul Continue reading

La legge anti-linciaggio approvata negli Usa ricordando un brano di Bob Dylan

di Roberto Brunelli (agi.it, 28 febbraio 2020)

Alla fine, Emmett Till non è morto invano. Sessantacinque anni dopo la sua barbara uccisione nella cittadina di Money, in Mississippi, il Congresso americano ha approvato una legge federale che definisce il linciaggio un «crimine d’odio». Una norma che porta il nome di Emmett, così come lo porta una delle più dolenti canzoni di Bob Dylan, The Death of Emmett Till.

spark.adobe.com

spark.adobe.com

Continue reading

I tempi stanno cambiando. Di nuovo

di Massimo Mantellini (ilpost.it, 27 settembre 2019)

Qualche anno fa, mentre preparavo un seminario, mi accorsi — o per lo meno così mi sembrò — che i primi anni della Internet commerciale, verso la metà degli anni Novanta del secolo scorso, alcune sensazioni che si respiravano allora, avessero qualcosa in comune con una rivoluzione precedente, quella di trent’anni prima, nata nelle università californiane e finita qualche anno dopo con il maggio francese del 1968.

bob_dylan_the_times Continue reading

Joan Baez: “Il mio tour negli Usa in onore di Lampedusa”

di Silvia Bizio (repubblica.it, 13 ottobre 2017)

Leggende della musica come Joan Baez, la voce della protesta degli anni ’70, Robert Plant, Emmylou Harris, Brandi Carlile e Steve Earle – insieme ad altri musicisti – stanno donando il loro tempo e talento per Lampedusa, riconoscendo l’immane sforzo che la piccola isola siciliana sta compiendo da vent’anni per i profughi.Joan_Baez Continue reading