Il messaggio segreto (e femminista) del makeup di Emma Stone sul red carpet

(cosmopolitan.com, 8 gennaio 2018)

I Golden Globe 2018 sono stati un’edizione eccezionale della cerimonia e le celeb, con poche eccezioni, hanno organizzato diverse iniziative legate a Time’s Up perché i riflettori cadessero sul tema delle molestie e degli abusi subiti dalle donne. Non solo le donne che “abitano” Hollywood ma tutte, come ha sottolineato nel suo emozionante discorso Oprah Winfrey.emma-stone-makeup Continue reading

«Oprah, non farlo»

di Giulia Belardelli (huffingtonpost.it, 9 gennaio 2018)

Tutti pazzi per Oprah, dunque? Non proprio, non tutti. Se è vero che il suo discorso “presidenziale” ai Golden Globes ha galvanizzato l’opinione pubblica e parte dei democratici, a mente fredda arrivano le prime frenate da alcuni dei giornali più influenti d’America.oprah2018 Continue reading

Un sermone obamiano ai Golden Globe rilancia l’avventura politica di Oprah

di Mattia Ferraresi (ilfoglio.it, 9 gennaio 2018)

Il maestro delle cerimonie dei Golden Globes, Seth Meyers, ha accolto le signore e i remaining gentlemen, ha officiato il funerale del molestatore collettivo davanti alle schiere di erinni nerovestite e ha scherzosamente proibito a Oprah Winfrey di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti.Oprah-Obama Continue reading

Il discorso di Oprah Winfrey ai Golden Globe

(ilpost.it, 8 gennaio 2018)

Questa notte c’è stata la 75esima edizione dei Golden Globe, i più importanti premi americani per il cinema e le serie tv (gli Oscar premiano solo i film). Oltre ai 25 premi normali, ne è stato assegnato uno alla carriera a Oprah Winfrey, conduttrice, attrice e personaggio molto rilevante da quelle parti.

Paul Drinkwater/NBCUniversal via Getty Images

Paul Drinkwater/NBCUniversal via Getty Images

Continue reading

Weah presidente della Liberia, quando a Milanello diceva: «Conosco la fame, non farò mai politica»

di Gian Antonio Stella (corriere.it, 29 dicembre 2017)

«Dormivamo in quattordici in una stanza. La nonna nel letto e noi tredici fratelli sul pavimento. Mio padre William e mia madre By si erano separati e se n’erano andati lontani, la nonna aveva radunato tutta la famiglia in una stanza e affittava il resto della casa per qualche soldo. Mangiavamo riso. Riso e basta. Avevo sempre fame». Così raccontò la sua vita, un po’ di anni fa, George Weah.Weah-Liberia-Election Continue reading