Il duello (ma per cosa?) dei due Mattei a favore di telecamere e di tweet

di Sofia Ventura (linkiesta.it, 16 ottobre 2019)

In origine furono i dibattiti tra i candidati presidenziali: Kennedy versus Nixon nel 1960 il primo, rimasto memorabile. Nel 1984 un magistrale Reagan ebbe la meglio su Mondale. Nell’ultimo dibattito tra Trump e Hillary Clinton, il primo mise in scena tutta la sua “originale” teatralità. La sinistra che non ha il “monopolio del cuore” è passata alla storia grazie all’aristocratico Valéry Giscard d’Estaing confrontato al Mitterrand che per la seconda volta, nel 1974, tentava l’arrembaggio all’Eliseo.duello_due_mattei Continue reading

Leonardo DiCaprio ha risposto agli insulti di Trump rivolti a Greta Thunberg

di Lorenzo Pietroletti (lascimmiapensa.com, 30 settembre 2019)

Un’apparizione inaspettata quella di Leonardo DiCaprio durante il Global Citizen Festival, in cui ha richiamato l’attenzione dei leader mondiali su uno degli argomenti più importanti di quest’anno: il cambiamento climatico. Salito sul palco, l’attore protagonista dell’acclamato C’era una volta a… Hollywood non le ha mandate a dire a chi “pensa solo al profitto”.DiCaprio-Thunberg Continue reading

Come Lana Del Rey si è trasformata da bambola a stelle e strisce in icona femminista

di Laura Caprino (vice.com, 11 settembre 2019)

La prima volta in cui ho ascoltato Lana Del Rey avevo da poco superato i vent’anni. Il suo album di debutto omonimo non si era fatto particolarmente notare, ma Born to Die aveva conquistato prepotentemente la scena musicale, piazzandosi da subito ai piani alti delle classifiche in Uk e Usa. Nonostante fosse sconosciuta ai più, con il suo secondo disco irruppe in classifica con un sound e un’estetica unici, ispirati alla vecchia Hollywood decadente e viziosa, dal volto oscuro e dal passato tormentato.LanaDelRey Continue reading

Colin Kaepernick è ancora senza squadra, ma potrebbe aver cambiato qualcosa

(ilpost.it, 15 settembre 2019)

La centesima stagione della National Football League è iniziata nel secondo fine settimana di settembre. Con quasi nove miliardi di profitti stimati nel 2019 e ventisei squadre fra le cinquanta più ricche al mondo – compresa la prima –, è il campionato più ricco e popolare degli Stati Uniti. Le enormi dimensioni della lega, la stessa che organizza annualmente il Super Bowl – l’evento sportivo più redditizio al mondo – non la tengono però al riparo da inconvenienti e vicende che spesso, proprio per la sua rilevanza nel Paese, creano dei casi nazionali.AP 49ERS REID PROTEST FOOTBALL S FBN FILE USA CA Continue reading

Troppa cattiva televisione può portare al populismo?

di Oliver Burkeman (“The Guardian” / internazionale.it, 28 agosto 2019)

Di questi tempi il mondo è così confuso, politicamente parlando, che è facile pensare che lo siano anche i motivi per cui ci confonde. E se invece fossero semplici? E se, per esempio, una delle ragioni dell’ondata di populismo degli ultimi anni – Trump, la Brexit, l’ascesa dell’estrema destra in Europa – fosse che gli elettori hanno visto troppa tv spazzatura, che gli ha mandato in pappa il cervello?

Ph. Andy Ryan / Getty Images

Ph. Andy Ryan / Getty Images

Continue reading