Donald Trump ha autografato alcune copie della Bibbia

(ilpost.it, 9 marzo 2019)

Venerdì il presidente degli Stati Uniti Donald Trump era in visita con la First Lady Melania Trump in Alabama, lo Stato meridionale colpito da una serie di violenti tornado la scorsa settimana. Dopo un incontro in una chiesa trasformata in un centro di accoglienza per sfollati, Trump ha autografato alcune copie della Bibbia per le persone presenti.

AP Photo / Carolyn Kaster

AP Photo / Carolyn Kaster

Continue reading

La lista dei cantanti anti-Trump? Sempre più lunga e agguerrita

di Giusi Fasano («7», suppl. al Corriere della Sera», 8 novembre 2018)

La diffida è arrivata pochi giorni fa all’ufficio legale della Casa Bianca. Mittente: l’avvocato del cantante americano Pharrell Williams. Che se la prende direttamente con Donald Trump. «Il giorno dell’omicidio di 11 persone per mano di un “nazionalista” folle», scrive, «il Presidente ha usato la canzone Happy (Felice) in un evento politico in Indiana. Non c’era nulla di “felice” nella tragedia inflitta al nostro Paese e nessuna autorizzazione era stata concessa per l’uso di questa canzone per questo scopo».pharrell-vs-trump Continue reading

Super Bowl 2019, l’emozionante spot del “Washington Post”

(tg24.sky.it, 4 febbraio 2019)

Durante la finale del Super Bowl 2019 tra i New England e i Los Angeles Rams è stato trasmesso uno spot di sessanta secondi che mostra una serie di immagini legate a famosi eventi storici. «Quando andiamo in guerra, quando la nostra nazione è minacciata, c’è qualcuno che racconta i fatti a ogni costo» recita la voce narrante, quella dell’attore Tom Hanks.

SuperBowl2019 Continue reading

Michael Moore: «Trump, Salvini e quel vanto di essere idioti»

di Lavinia Farnese (vanityfair.it, 20 ottobre 2018)

Senza studio, senza intelligenza, la provocazione è un’arma piccola, spuntata e irritante da non augurarsi di avere neanche in tasca. Non certo il caso del regista Michael Moore, Oscar per il miglior documentario nel 2002, con Bowling a Columbine, Palma d’Oro a Cannes con Fahrenheit 9/11, oggi al cinema con Fahrenheit 11/9, viaggio contemporaneo che parte nel giorno in cui Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti d’America.Fahrenheit_9-11 Continue reading

A Las Vegas le elezioni sono un bordello: Dennis può vincerle

di Alberto Flores d’Arcais («Il Venerdì», suppl. a «la Repubblica», 13 luglio 2018)

Oltre che per i casinò e le luci di Las Vegas, il Nevada è famoso per i suoi bordelli (in alcune contee la prostituzione è legale). Dennis Hof ne possiede sette, i più noti agli appassionati del genere, e adesso, alla bella età di 71 anni, ha deciso che vuole andare al Congresso: non in visita, ma come deputato.

Coleman-Rayner

Coleman-Rayner

Continue reading