Non ci sono più gli Stati Uniti di una volta

di Elena Zacchetti (ilpost.it, 1° agosto 2020)

Per gli ultimi settantacinque anni – ma anche qualcuno di più – gli Stati Uniti sono stati considerati come un Paese unico e indispensabile per gli equilibri mondiali, e punto di riferimento culturale e politico per i sistemi democratici occidentali. Nel corso dei decenni i governi americani hanno costruito alleanze politiche e militari di enorme rilevanza, come la Nato, hanno stretto solidi rapporti commerciali con gli altri Paesi occidentali e hanno partecipato da protagonisti a guerre e crisi in mezzo mondo.

Ph. Dan Kitwood / Getty Images

Ph. Dan Kitwood / Getty Images

Continue reading

Cercando un leader nel 2020: Neil Young fa a pezzi Donald Trump

(rockol.it, 30 luglio 2020)

Il cantautore canadese (ancora) contro il presidente degli Stati Uniti. Dal 2016, l’anno in cui Donald Trump s’insediò alla Casa Bianca, avendo la meglio alle presidenziali sulla candidata democratica Hillary Clinton, Neil Young è sempre stato molto critico nei confronti dell’operato del tycoon. Contro Trump si è scagliato anche recentemente, facendo sapere di essere intenzionato a fargli causa dopo che per l’ennesima volta il presidente americano ha utilizzato una sua canzone, Rockin’ in the free world, in uno dei suoi comizi, senza chiedergli il permesso.neil_young_american Continue reading

Per Brad Pitt una nomination agli Emmy con l’imitazione di Anthony Fauci

(movieplayer.it, 28 luglio 2020)

Brad Pitt ha conquistato un’inaspettata nomination agli Emmy grazie alla sua interpretazione di Anthony Fauci durante il Saturday Night Live dello scorso 25 aprile. La sua performance l’ha fatto rientrare a sorpresa nella rosa dei possibili vincitori del prestigioso premio televisivo. L’organizzazione degli Emmy Awards ha annunciato le nomination e nella categoria come miglior Guest Star di una serie di genere comedy è presente anche l’attore premio Oscar.

Nbc

Nbc

Continue reading

Trump si pente spesso dei suoi tweet

(agi.it, 25 luglio 2020)

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha fatto una rara ammissione, raccontando di “amare” usare Twitter ma di pentirsi “troppo spesso” di alcuni suoi cinguettii. «Ai vecchi tempi», ha confessato il capo della Casa Bianca in un’intervista a Dave Portnoy, il fondatore di Barstool Sports, «si usava scrivere una lettera, la mettevi sul tavolo e quando tornarvi il giorno dopo dicevi “sono contento di non averla inviata”, ma con Twitter non si può fare».trump-vs-twitter Continue reading

Bannon contro Lennon

di Dario Ronzoni (linkiesta.it, 23 luglio 2020)

Per Susanna Ceccardi, candidata leghista alla Regione Toscana per il Centrodestra, è una canzone «comunista». Per Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, è un «inno all’omologazione mondialista»: il testo non la appassiona anche se – concede – «la musica è bellissima, ma bisogna non conoscere l’inglese». Insomma, Imagine, il celebre brano di John Lennon del 1971, non piace alle donne di Destra. Non serviva raggiungere l’estate del 2020 per scoprirlo.

Ph. Andrew Burton / Getty Images

Ph. Andrew Burton / Getty Images

Continue reading