“Girl Power”: il femminismo è diventato un brand da T-shirt

di Lidia Baratta (linkiesta.it, 8 marzo 2018)

Il femminismo va di moda. Letteralmente. Prima è toccato a Che Guevara, Bob Marley e alla linguaccia dei Rolling Stones, ora sulle T-shirt appese in vetrina spopolano frasi come “Be A Feminist”, “Girl Power”, “Girls Can Do Anything”.Olivia Wilde Continue reading

Difesa delle donne, minoranze e lotta alle armi: Hollywood porta l’attualità sul palco degli Oscar

di Simona Siri (lastampa.it, 5 marzo 2018)

Tenere insieme il movimento #metoo e #timesup, mischiarlo con le proteste contro le armi, aggiungerci Harvey Weinstein, i ragazzi di Parkland, l’orgoglio nero di Black Panther, Porto Rico, Donald Trump, Mike Pence e i messicani. Sembrava un’impresa impossibile.

Viola Davis tiene la busta con il nome del Miglior attore non protagonista - Dolby Theatre, 4 marzo 2018 (Matt Sayles/AMPAS via Getty Images)

Viola Davis tiene la busta con il nome del Miglior attore non protagonista – Dolby Theatre, 4 marzo 2018 (Matt Sayles/AMPAS via Getty Images)

Continue reading

“Red Sparrow”, Jennifer Lawrence e il movimento #MeToo

di Mariarosa Mancuso (ilfoglio.it, 2 marzo 2018)

Jennifer Lawrence fa l’agente segreto russo in Red Sparrow di Francis Lawrence (non sono parenti, lavorano insieme dal secondo capitolo della trilogia Hunger Games). Charlize Theron aveva fatto l’agente segreto britannico in Atomic Blonde di David Leitch.

Jennifer Lawrence con Francis Lawrence, Matthias Schoenaerts, Joel Edgerton e Jeremy Irons al photocall di Red Sparrowal The Corinthia Hotel di Londra, 20 febbraio 2018 (John Phillips/John Phillips/Getty Images)

Jennifer Lawrence con Francis Lawrence, Matthias Schoenaerts, Joel Edgerton e Jeremy Irons al photocall di Red Sparrow al The Corinthia Hotel di Londra – 20 febbraio 2018
(John Phillips/Getty Images)

Continue reading

Così il #MeToo è diventato la bandiera del “femminismo da Instagram”

di Cristina Marconi (ilfoglio.it, 2 marzo 2018)

Dicono che agli Oscar si potrà tornare ad indossare qualcosa di colorato, dicono. Perché va bene l’attivismo, il #MeToo e il Time’s Up, ma dopo i Golden Globes e i Bafta non si può pensare di fare il terzo red carpet in gramaglie.SpectatorMeToo Continue reading

Beyoncé, il look nero ai Grammy 2018 è in onore del Black Panther (molto anni ’60)

di Mary Adorno (cosmopolitan.com, 29 gennaio 2018)

Beyoncé era ai Grammy Awards 2018, ovvio. Ci è andata insieme al marito Jay-Z e alla figlioletta Blue Ivy per comporre la sacra triade perfetta. Bisogna subito dire una cosa: anche se ci mancava la presenza dei gemellini, il loro look ha compensato abbastanza bene e per una ragione speciale.Bey_Grammy_2018 Continue reading