Brasile: il ministro della Cultura cita Goebbels

di Gianmichele Laino (giornalettismo.com, 17 gennaio 2020)

Un video surreale. Il ministro brasiliano della Cultura, Roberto Alvim, ha girato un video in cui ha citato alcune frasi di Goebbels. Glielo hanno fatto notare e lui ha negato qualsiasi cosa. Ma l’ambientazione e le sue parole sono davvero surreali.RobertoAlvim-JosephGoebbels Continue reading

Il tackle di Ratzinger e la trappola del linguaggio

di Maria Antonietta Calabrò (huffingtonpost.it, 13 gennaio 2020)

Qui non lo chiamerò Benedetto. E tanto meno Benedetto XVI, per grazia di Dio Pontefice della Chiesa Universale a partire dal 2005. Perché Benedetto XVI non esiste più dal 28 febbraio 2013, quasi sette anni fa. Benedetto XVI si può citare per quello che ha scritto e detto durante quel periodo, come si fa con i suoi predecessori defunti.papi_combo Continue reading

Alla guerra civile con le canzonette di Sanremo

di Enrico Dal Buono (linkiesta.it, 8 gennaio 2020)

Rula Jebreal sarà al Festival, è bella e preparata. No, non ci sarà, è straniera e disprezza gli italiani. Sì, forse ci sarà, li disprezza solo un po’, giusto quel che si meritano, e parla di violenza sulle donne. Rita Pavone parteciperà a Sanremo: piace ai sovranisti perché “non si inchina al pensiero unico”. No, è vecchia e dice che Greta Thunberg la mette a disagio.Sanremo-2020 Continue reading

Crisi Usa-Iran: “House of Cards” aveva già previsto tutto

di Elisa Serafini (tpi.it, 8 gennaio 2020)

Un presidente degli Stati Uniti in piena crisi reputazionale con sondaggi a picco, una difficile gestione degli stessi alleati e, improvvisamente, una scelta: lanciare un attacco militare contro una forza antagonista, situata nel Medio Oriente. Parliamo delle vicende di Donald Trump? No.

Emanuele Fucecchi

Emanuele Fucecchi

Continue reading

Della decadenza dei leader mediatici

di Alessandro Aleotti (linkiesta.it, 31 dicembre 2019)

Il mainstream del dibattito politico italiano concorda su un fatto: Matteo Salvini è l’uomo forte. Chi lo avversa evoca un inquietante pericolo per la democrazia, mentre chi lo sostiene non desidera altro che un condottiero politico torni ad abitare il potere romano.GuyDebord-cover Continue reading