Una principessa a Paperopoli

La rivista Donald Duck’s Magazine festeggerà con una copertina il quarantesimo compleanno di Vittoria, ereditaria del trono di Svezia

Francesco De Leo (lastampa.it, 12 luglio 2017)

“Welcome to Duckburg”. Per la prima volta nella storia una vera principessa farà il suo ingresso a Paperopoli, capitale dello stato fittizio del Calisota, la città delle avventure di Paperino, Zio Paperone e Qui, Quo, Qua.VITTORIA-DI-SVEZIA_cropVenerdì prossimo Donald Duck canterà a squarciagola alla Principessa Vittoria, ereditaria del trono di Svezia, il suo “happy birthday!” nel giorno del suo quarantesimo compleanno. Tutto è pronto. I bimbi di Svezia non vedono l’ora di correre nelle edicole per assicurarsi il prossimo numero del Disney’s Donald Duck Magazine che avrà in copertina la Principessa dall’inconfondibile sorriso, felice di ricevere, dal mitico papero venuto fuori da una torta elaborata, gli auguri per quel compleanno così speciale. La Principessa Vittoria è la figlia maggiore di Re Carlo XVI Gustavo di Svezia e della Regina consorte Silvia. Dal 1980 con l’abolizione della Legge Salica è l’erede alla Corona di Svezia. Da allora ha sposato Daniel Westling, ha dato al mondo una bimba e un bimbo, ha coordinato per il suo Paese i soccorsi nel sud-est asiatico colpito dallo tsunami, si occupa di problemi dell’infanzia con il suo Trust. Ma soprattutto, riparatasi negli Stati Uniti, ha vinto la sua più grande battaglia contro quella terribile anoressia che l’aveva consumata. Vittoria nella copertina del fumetto indossa la famosa Tiara dai sei bottoni, uno dei meravigliosi gioielli della Corona svedese, custoditi nei sotterranei del Palazzo Reale di Stoccolma. C’è da giurarci, la Tesoreria Reale svedese sarà quanto mai sorvegliata. La Banda Bassotti, che vive alla periferia di Paperopoli, potrebbe farci un pensierino.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>