I tweet delle star che scatenano l’ira dei fan

di Enrico Caporale (lastampa.it, 30 luglio 2014)

Mentre le diplomazie faticano a trovare un accordo per il cessate il fuoco a Gaza, i vip scendono in campo e, ovviamente, si schierano. Ieri alcuni artisti spagnoli (tra cui il regista Pedro Almodóvar, l’attore Javier Bardem e l’attrice Penélope Cruz) hanno firmato un appello in cui viene chiesto a Israele di interrompere subito i raid, definendo l’offensiva nella Striscia un «genocidio». «La popolazione di Gaza – si legge nella lettera – sta vivendo giorni terrificanti e la comunità internazionale non fa niente». Due giorni fa Zayn Malik, musicista anglo pakistano degli One Direction (la band britannica che ha fan in tutto il mondo) era finito nella bufera per un tweet. È bastato condividere l’hashtag #FreePalestine con i suoi 13 milioni di follower e in Rete si è scatenato l’inferno. «Ammazzati, Israele ha il diritto di difendersi», gli hanno risposto i meno gentili. Le stesse reazioni aveva provocato un messaggio analogo della cantante Rihanna. Ma c’è anche chi ha voluto commemorare i soldati israeliani morti, come Bar Refaeli che sempre su Twitter ha postato una foto dei militari con la scritta «Siamo quello che siamo grazie a voi». Apriti cielo, la modella israeliana è stata ricoperta di insulti. Insulti sono arrivati anche alla cantante israeliana Noa per aver criticato Netanyahu, critiche che le sono costate la cancellazione del concerto organizzato da un’associazione ebraica per il 27 ottobre a Milano. A gettare benzina sul fuoco ci ha pensato anche l’umorista francese Dieudonné che a Parigi, durante uno spettacolo al teatro de la Main d’or, ha paragonato Netanyahu a Hitler.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>