Gary Lineker reintegrato dalla Bbc

(ilpost.it, 13 marzo 2023)

Gary Lineker, popolare ex calciatore e commentatore sportivo, è stato reintegrato alla co-conduzione del programma Match of the Day della Bbc. Era stato sospeso nei giorni scorsi dopo aver pubblicato sul proprio account Twitter alcune critiche alla nuova proposta di legge del governo britannico sull’immigrazione. Ritornerà in onda nel prossimo weekend, dopo che la sua sospensione aveva provocato un caso anche politico e aveva portato alla cancellazione o riduzione di gran parte della programmazione sportiva dell’emittente.

Ph. Ben Stansall / Afp

Molti conduttori, ospiti e giornalisti avevano infatti deciso di astenersi dal lavoro in solidarietà con lui. Gary Lineker è stato uno dei più forti, apprezzati e popolari calciatori inglesi: attaccante, ha segnato 48 gol con la Nazionale inglese, ha giocato con Leicester, Everton, Barcellona e Tottenham. È inoltre ricordato come autore di quella famosa frase sulla Germania che vince sempre i Mondiali [«Il calcio è un gioco semplice: 22 uomini rincorrono un pallone per 90 minuti, e alla fine la Germania vince» – N.d.C.], conduce Match of the Day dal 1999, è famosissimo (su Twitter ha quasi 9 milioni di follower) e molto pagato dalla Bbc (circa 1,5 milioni di euro l’anno). Era stato sospeso per un tweet in cui aveva paragonato il linguaggio utilizzato dai ministri del governo britannico per parlare dei richiedenti asilo a quello «usato dalla Germania degli anni ’30».

Il direttore generale della Bbc Tim Davie ha annunciato la decisione del reintegro con un comunicato in cui ha parlato anche di una revisione dei regolamenti sull’uso dei social network da parte di chi lavora per Bbc. Ha inoltre difeso la decisione di sospendere Lineker nello scorso weekend: «Non è stata facile, ma ritengo che fosse proporzionata e che fosse la cosa giusta da fare per la Bbc». Gary Lineker ha commentato la decisione con una serie di tweet, in cui ha ringraziato per la solidarietà e ha detto che «per quanto questi giorni siano stati difficili, non sono semplicemente comparabili con quelli di chi deve scappare dalla propria casa per sfuggire alla guerra o a una persecuzione».