Perché tutto si gioca in Rete

di Aldo Cazzullo («Corriere della Sera», 8 marzo 2018)

Non è stata soltanto la prima campagna elettorale giocata in Rete, senza comizi né manifesti né confronti tv. Sono state le prime elezioni decise in Rete. La Rete è la più grande macchina di destabilizzazione politica mai inventata.

(Vincenzo Livieri - LaPresse)

(Vincenzo Livieri – LaPresse)

Continue reading

Toni Iwobi, il senatore nero della Lega, e lo sdegno di Balotelli

di Simone Cosimi (wired.it, 7 marzo 2018)

Con una Storia su Instagram pubblicata circa 20 ore fa, più o meno nel pomeriggio di ieri e dunque destinata a scomparire nelle prossime ore, Mario Balotelli ha sollevato nella sua semplicità un punto molto chiaro sul neosenatore 62enne Toni Iwobi, responsabile Immigrazione della Lega (Nord? Non si sa, dal simbolo è scomparso) appena eletto a Palazzo Madama.Iwobi-Balotelli Continue reading

Elezioni, Steve Bannon a Roma: «Sento lo stesso clima pre-Trump: Italia cruciale per tutti i populismi»

di Viviana Mazza (corriere.it, 4 marzo 2018)

Steve Bannon, lo stratega che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca, è a Roma per «osservare» e «imparare» dalle elezioni italiane, prima di partire per Zurigo dove martedì sera parlerà delle «implicazioni globali della rivolta populista» in un incontro pubblico con Roger Köppel, direttore della rivista svizzera di destra Die Weltwoche.Bannon-Trump Continue reading

Elezioni 2018, ecco come i politici hanno usato i social media

(wired.it, 2 marzo 2018)

“Spazio non assegnato”. Se vi serviva una dimostrazione del fatto che le campagne elettorali non si giocano più per strada, i semideserti pannelli destinati alle affissioni ne sono la prova lampante. Saranno stati i social network, in queste elezioni, a fare la parte del leone?berlusconi_portaporta_ftg Continue reading

Non ci sono italiani nei manifesti “Prima gli italiani” di Salvini

di Matteo Lenardon (thevision.com, 21 febbraio 2018)

Matteo Salvini, ormai l’abbiamo capito, ci tiene davvero tanto all’Italia e agli italiani. Anche se prima teneva più agli italiani provenienti dal Nord Italia e meno ai napoletani – ma ha chiesto scusa. E tutto adesso è diverso.0 Continue reading