Audrey Hepburn, una star in prima linea

(italiastarmagazine.it, 29 ottobre 2018)

Per tutti sarà per sempre Holly Golightly, Eliza Doolittle e Sabrina Fairchild, tre dei personaggi che hanno traghettato nella leggenda Audrey Hepburn, attrice che in carriera ha prestato volto e fascino – rispettivamente – alla svampita protagonista di Colazione da Tiffany, alla fioraia di My Fair Lady e alla principessa annoiata di Vacanze romane.DutchGirl Continue reading

“The Queen’s Corgi”: la Regina Elisabetta diventa (anche) cartone animato

di Claudia Casiraghi (vanityfair.it, 16 ottobre 2018)

Principesse stampate sulle tazze per la colazione, sui cuscini del divano. Baci suggellati nelle calamite appese al frigo. E poi magliette, striscioni, matrimoni reali celebrati con un tifo tanto sincero da essere stato esteso ai bambini. Quasi che l’amore, incondizionato, per la monarchia inglese fosse un credo religioso, da tramandarsi di padre in figlio, con l’aiuto (anche) del cinema, se necessario.Queen Elizabeth in Garden with Dog Continue reading

Meghan Markle incinta sceglie abiti “manifesto”

di Eva Grippa (d.repubblica.it, 17 ottobre 2018)

Dress to impress: scegliere un abito, ormai è noto, per una donna che riveste un ruolo importante o magari pubblico è anche una scelta “politica”. Qualche anno fa una convincente mostra allestita da Zaha Hadid al Design Museum di Londra ha raccontato come principesse, dirigenti d’azienda, politiche ma anche modelle e stiliste abbiano usato gli abiti per definire e innalzare il loro ruolo nel mondo.markle_incinta Continue reading

Quando anche ai potenti serve un aiutino

di Laura Laurenzi («la Repubblica», 6 ottobre 2018)

Sì, è vero, la regina Elisabetta possiede una mano finta, meccanica, per poter salutare la folla senza stancarsi troppo. Il device, peraltro piuttosto artigianale – un guanto imbottito infilato su una leva di legno – le è stato donato anni fa durante un viaggio nel Commonwealth da un gruppo di ingegnosi studenti australiani.sarkozy_bush Continue reading

Matteo Salvini e la copertina di “Time”

di Francesco Merlo («D Lui», Ottobre 2018)

In soli cinque mesi di governo, la faccia di Matteo Salvini, con quel ghigno e quel grugno che vorrebbero terrorizzare il mondo, è diventata l’illustrazione dell’epoca, il ceffo compiaciuto del razzismo creativo, fiero di provocare l’indignazione e il merde alors! della gente per bene.Times_cover_Salvini Continue reading