La biopolitica e il Coronavirus: intervista a Roberto Esposito

di Nicola Mirenzi (huffingtonpost.it, 22 marzo 2020)

Quando finirà «il contagio del Coronavirus potrebbe produrre degli effetti sovranisti, rafforzando il discorso di quanti sostengono che i confini servono, anzi vanno rinvigoriti, per contenere i pericoli a cui ci espone la spinta globale del mondo». Docente di Filosofia teoretica presso la Scuola Normale Superiore, Roberto Esposito è uno di quegli studiosi che ha raccontato la realtà che stiamo vivendo oggi con un anticipo impressionante rispetto all’attualità.Immunitas Continue reading

I sovranisti danno la caccia alla Charlottea, una nave ong che non esiste

di Enzo Boldi (giornalettismo.com, 2 agosto 2019)

Avete presente il periodo del calciomercato? Tutti i tifosi si travestono da ragionieri, iniziano a fare le analisi dei bilanci delle varie società arrivando a proprie verità da rilanciare sui social. Tutti esperti di tutto. E il sovranismo, in Italia, è sempre più assimilabile al tifo smodato della gente.

Matteo Villa via Twitter

Matteo Villa via Twitter

Continue reading

Come diventare sovranisti con la tv generalista

di Emanuela Marchiafava (ilpost.it, 3 luglio 2019)

Mi pagano per guardare la tv. No, non quella che mi pare: faccio analisi media dei programmi di alcuni canali generalisti. Mi è sempre piaciuta la tv, intendiamoci: ho passato anni a guardare Domenica in e Sentieri con mia madre, imparando un sacco di cose da Quark e dai rotocalchi d’attualità (allora si chiamavano così).

Ph. Stefano Guatelli / Ansa / Pal

Ph. Stefano Guatelli / Ansa / Pal

Continue reading

Cuccarini si scopre sovranista e torna subito in Rai

di Massimiliano Parente (ilgiornale.it, 27 marzo 2019)

C’era una volta la Prima Repubblica, che brutta. Tipo che prendeva Pippo Baudo, bravissimo, per carità, però democristiano, e gli faceva fare qualsiasi cosa, ogni Domenica in, ogni Sanremo, tutto. Oppure Giovanni Minoli, craxiano, che in epoca socialista ebbe il suo periodo d’oro. C’erano una volta la Dandini, Fazio, Saviano e compagnia bella bruttissima, che la sinistra ha piazzato ovunque.

Ph. Claudio Porcarelli

Ph. Claudio Porcarelli

Continue reading