La Festa della Repubblica dei 5 Stelle

di Domenico Di Sanzo (huffingtonpost.it, 2 giugno 2018)

“Assistente numero 2!” urla un uomo della sicurezza predisponendo l’imponente cordone di protezione intorno a Piazza della Bocca della Verità. Mentre le rockstar del Movimento Cinque Stelle arrivano alla spicciolata, il servizio d’ordine controlla ogni passo dei giornalisti. “Favorisca il tesserino”, “In piazza non potete entrare”, “Vengono prima gli attivisti, aspettate”, queste le frasi dei gendarmi civili che presidiano il teatro della festa del M5S di governo.grillo-campanella Continue reading

Saverio Raimondo: «Mattarella? Non dorme da marzo. Potrebbe affidarmi l’incarico: somiglio a Di Maio, ma non sbaglio i congiuntivi»

di Silvia Renda (huffingtonpost.it, 8 maggio 2018)

«Piacere, sono Saverio Raimondo, non Luigi Di Maio». Specificarlo è diventato obbligatorio da quando qualcuno ha notato la somiglianza con il leader pentastellato. Saverio Raimondo con la politica ha in realtà a che fare in maniera trasversale.Viacom - CNN Continue reading

Nel M5s c’è più Lenin che Rousseau

di Damiano Palano (ilfoglio.it, 27 marzo 2018)

Ormai più di un secolo fa, nel 1911, Robert Michels dava alle stampe il suo libro più famoso, La sociologia del partito politico nella democrazia moderna, destinato ad aprire un intero filone di studi. In quel libro il politologo tedesco illustrava quella che, da allora, sarebbe stata conosciuta nell’ambito delle scienze sociali come la “legge ferrea dell’oligarchia”.Grillo-DiMaio-D.Casaleggio Continue reading

La lettera di Celentano a Renzi: “Sbagliare è umano, ma risbagliare è da deficienti”

di Adriano Celentano (ilfattoquotidiano.it, 9 aprile 2018)

Ciao Matteo, non so cosa pensi tu. “Prendo il giornale e leggo che” niente è cambiato. Pare, però, che in politica sia proibito sbagliare. Ma, se è proibito, allora perché tutti dicono che sbagliare è umano?AdrianoCelentano Continue reading

Elezioni 2018, ecco come i politici hanno usato i social media

(wired.it, 2 marzo 2018)

“Spazio non assegnato”. Se vi serviva una dimostrazione del fatto che le campagne elettorali non si giocano più per strada, i semideserti pannelli destinati alle affissioni ne sono la prova lampante. Saranno stati i social network, in queste elezioni, a fare la parte del leone?berlusconi_portaporta_ftg Continue reading